Home / Cinema / TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI

4 out of 5 stars (4 / 5)

Gigantesca. Non ho altre parole per definire Frances McDormand in Tre Manifesti Ad Ebbing.
L’immedesimazione con il suo personaggio è immediata, grazie al fatto che basta uno sguardo per catapultarci dentro il suo dolore e la sua rabbia. Senza questa immedesimazione probabilmente il film funzionerebbe molto meno. Non perché abbia qualche difetto, anzi, è scritto molto bene e interpretato benissimo. Ma perché, nonostante schivi in maniera molto intelligente tutti i cliché della provincia americana, ci racconta un mondo orrendo, dove l’unico modo per sopravvivere è riempire il serbatoio di rabbia; e un racconto così cupo e pessimista, affinché funzioni, deve prenderti a cazzotti in pancia. E Frances colpisce duro. Non è solo questo, c’è anche molta ironia (il parallelismo con i Coen lo lascerei stare francamente) che però è assolutamente funzionale a ciò che i personaggi provano; non è solo un escamotage per spezzare la tensione drammatica, ma è anche un indicatore dello stato di sofferenza e insofferenza dei personaggi.
Menzione d’onore per Sam Rockwell, che interpreta, benissimo, il personaggio con il miglior arco narrativo del film: lo odi all’inizio, lo comprendi e lo compatisci durante il film per poi amarlo alla fine.
Meglio di così il 2018 non poteva iniziare: Tre Manifesti a Ebbing, Missouri è un film da vedere per iniziare l’anno cinefilo alla grande. Un inizio d’anno che promette benissimo dal punto di vista della qualità.

About allanpop

Check Also

CREED II

Era il 30 gennaio 1986 quando in Italia uscì Rocky IV, in testa alle hit …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Array ( [marginTop] => 100 [pageid] => @AllanP0p [alignment] => right [width] => 292 [height] => 300 [color_scheme] => light [header] => header [footer] => footer [border] => true [scrollbar] => scrollbar [linkcolor] => #2EA2CC )